AGRICOLTURA SOCIALE CON UN PARCO DA VIVERE
20420
page-template-default,page,page-id-20420,edgt-core-1.0,,hudson-ver-1.5, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on, vertical_menu_background_opacity_over_slider vertical_menu_background_opacity_over_slider_on, vertical_menu_background_opacity, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,enable_full_screen_sections_on_small_screens,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
Agricoltura Sociale
UN PARCO DA VIVERE

Un Parco da Vivere è un progetto di agricoltura sociale vincitore del bando ministeriale ‘Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici’ e finanziato nell’ambito del Piano di Azione Coesione ‘Giovani no profit’. Il progetto è promosso dalla Cooperativa Sociale Tracceverdi di Bari in partnership con la Confederazione Italiana Agricoltori Puglia ed il sostegno del Comune di Bari e del Parco Naturale Regionale di Lama Balice. Tutto il progetto è promosso da un’equipe intedisciplinare di professionisti under 35.

UN PROGETTO SPERIMENTALE NEL CUORE DI LAMA BALICE

Un Parco da Vivere rappresenta una delle prime sperimentazioni realizzate nella città di Bari nell’ambito della rigenerazione urbana e dell’agricoltura sociale. Il progetto è finalizzato alla valorizzazione e rivitalizzazione di alcune aree esterne della Masseria Villa Framarino, attuale sede del Parco Naturale Regionale di Lama Balice e porta d’accesso all’area protetta. Nel corso di 18 mesi di progetto si intende realizzare un recupero funzionale delle aree esterne volto a definirne una sua nuova identità in chiave terapeutica e riabilitativa.

UN PERCORSO DI RIGENERAZIONE URBANA

Il progetto punta a una rifunzionalizzazione delle aree esterne di Villa Framarino attraverso la costruzione di 5 ‘aule verdi’ a cielo aperto integrate nel primo giardino dei sensi del Parco di Lama Balice. Questo percorso prende vita partendo da un labirinto sensoriale tra le principali specie mediterranee presenti nella lama e prosegue poi con la stanza dei colori, nella quale specie arbustive ed erbacee alternano tonalità e cromature differenti; gli orti biologici e sinergici sono pensati invece per sperimentare attività di contatto con la terra e la cultura ortolana; a collegarli, Il barefooting, un percorso a piedi nudi tra le essenze officinali. In ultimo il giardino delle farfalle, un giardino popolato da diverse specie di farfalle locali.

INTERVENTI PER L’ACCESSIBILITÀ DEGLI SPAZI

Il progetto vuole rendere maggiormente fruibile tutta l’area attraverso piccoli interventi di sistemazione e piantumazione del verde, installazione di cartellonistica ecocompatibile e un miglioramento dell’accessibilità fisica all’area.

AGRICOLTURA SOCIALE

Un Parco da Vivere è anche un innovativo progetto di agricoltura sociale che punta alla costituzione di una comunità che popoli quotidianamente tutte le aule verdi della villa. Persone affette da disabilità psicofisica e disagio mentale potranno vivere nuove esperienze relazionali immersi nella natura e a contatto diretto con la polifunzionalità dei luoghi. Con l’ausilio di una equipe interdisciplinare di psicologi, educatori, agronomi e comunicatori sociali questa comunità intende rappresentare una delle più avanzate sperimentazioni in ambito di agricoltura sociale e ‘terapia del verde’ realizzate nella città metropolitana di Bari. Laboratori multisensoriali, percorsi individuali e di gruppo, attività manuali: sono solo alcuni fra gli innumerevoli interventi da realizzare nel corso del progetto.

agricoltura sociale
UN’AGRICOLTURA SOCIALE, INNOVATIVA E MULTIFUNZIONALE

Un Parco da Vivere vuole rappresentare una buona pratica di diversificazione per le decine di imprese agricole presenti nell’area. Il progetto promuove, dunque, un modello di agricoltura sociale ed urbana da replicare nelle aziende che vogliono intraprendere nuovi percorsi di impegno e attivismo sociale. Seminari, conferenze, visite in campo completano le attività di formazione delle imprese.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE